CATANIA

Terme della rotonda

Le Terme della rotonda si trovano a Nord del Teatro Greco Romano e prendono il nome dalla cupola della chiesa bizantina edificata qui nel VI sec. d.C. modificando l’aspetto delle terme. L’edificio è spesso indicato col toponimo de La Rotonda nelle vedute cittadine del Cinquecento e del Seicento.

In passato si credeva che si trattasse di un Pantheon, ma gli scavi realizzati dopo la seconda guerra mondiale e diretti da Guido Libertini, hanno evidenziato la natura termale della struttura.

Ad essa si era sovrapposta la costruzione della chiesa, dedicata alla Vergine Maria.

Secondo recenti studi, frutto di campagne di scavo condotte nel 20042008 e nel 2015, la struttura termale, sorta in un’area già frequentata nell’Eneolitico iniziale, risalirebbe nel suo primitivo impianto al I-II secolo d.C.ed ampliate nel III secolo.

In questa campagna di scavo si rinvenne una gran quantità di tombe, si poterono identificare con certezza nove ambienti termali e ipotizzarne molti altri.

Infine, venne messa in luce l’abside di età sveva e si misero in luce diversi affreschi precedentemente coperti da un anonimo intonaco monocromo.

Oggi, la porzione maggiore dell’edificio è l’ampia sala circolare su pianta quadrata sormontata dalla cupola.

La cupola è ancora parzialmente decorata con affreschi di epoca bizantina e medievale raffiguranti vari santi ed i quattro evangelisti.

Nonostante la trasformazione in chiesa della struttura, ancora oggi si distinguono i canali di adduzione e scolo dell’acqua termale ed il frigidarium, accanto al calidarium.